Ciao Duca

Pantaloni a zampa di elefante, capelli lunghi e improbabili colli di camicie. Eravamo i giovani degli anni ’70, condizionati da culture emergenti e soprattutto dalle melodie d’oltre manica.

In quegli anni il duca era un riferimento. Direi quasi un icona, sacra e intoccabile. Rappresentava la voglia di sperimentare sempre qualcosa di diverso e la voglia di rompere gli schemi melodici del passato.

Non so dirvi perchè mi mancherà più di altri. Magari si dice sempre così, quasi per abitudine. Eppure era dai tempi di John Lennon che non provavo sentimenti così tristi e allo stesso tempo, ampi e profondi.

Forse è la consapevolezza che le idee, la cultura e i modelli di quella stagione per me irripetibile sono strettamente legati ai protagonisti di quel tempo. E forse, quando i protagonisti di allora ci abbandonano, realizzo il rischio che gli stessi tendano a sfumare assieme ai riferimenti che li conservavano.

#RIP

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...