Digital storytelling e dintorni

Due ambiti di passione e ricerca:

mi hanno condotto verso i lidi del digital story telling.

Il contesto è quello, per ora, prettamente personale e legato alle mie esperienze di viaggio ma, volendo analizzare la potenzialità degli strumenti che vado a descrivervi, non è detto che non possa essere analizzato e sfruttato nel content marketing o nelle presentazioni professionali.

Tutto è in divenire e si innova alla rapidità della luce ma proprio per questo mi entusiasma come un bambino.

1) Raccontare con Flipboard

Da alcune settimane  Flipboard ha aggiunto una funzionalità utile a creare dei ‘personal magazine’ e, inoltre, è uscita dal’ambito tablet per abbracciare i contenuti del web più tradizionale, attraverso l’uso del bookmarklet.

Ho colto al balzo questa occasione e l’ho applicata a un diario di viaggio: http://therouteus66.wordpress.com/ che stava alloggiato nel più tradizionale dei blog di wordpress.

Armatomi del bookmarklet ho sfogliato una a una tutte le pagine del blog, partendo dall’ultima per arrivare alla prima (questo perchè il blog era stato progettato con sequenza temporale ‘last in first out’) e le ho ‘flippate’ con il bookmarklet dentro una rivista creata ad hoc.

Il risultato è un racconto, simil eBook che ora tutti possono sfogliare dal loro tablet: http://flip.it/vpgOh

2) Raccontare con Fotopedia Reporter

Sempre nell’ambito tablet, Fotopedia reporter permette di creare storie basate sui propri safari fotografici.

L’applicazione permette di caricare le foto scattate dal proprio device oppure caricare quelle che teniamo su Flickr. L’effetto finale è una rivista digitale per tablet che può essere inserita nella community di Foto reporter e successivamente condivisa sui social network o inviata per email ai nostri amici.

foto

Dunque questo è l’orientamento ‘mobile’ dove gran parte del traffico internet si sta concentrando ma, se volessimo rimanere in ambito web classico?

3) Storytelling con Jux

Uno dei servizi che più mi hanno entusiasmato negli ultimi mesi è indubbiamente Jux. Un approccio ‘all visual’ che dona al racconto un appeal straordinario.

Jux permette di creare storie grazie all’ausilio di una story board che sfrutta tutti i nostri account visual e aggiunge l’esperienza di Youtube, Vimeo, Google street view o semplicemente ‘url based’ per rendere il racconto ancora più esperenziale ed emozionante.

storytelling

4) Storytelling con Erly

Prima di Jux, la mia attenzione era tutta dedicata all’evoluzione di Erly, un servizio di visual content curation che ben si adattava al racconto digitale. Erly è più legato al concetto di ‘event’ ma ci sta a collocarlo come strumento di racconto e condivisione.

Per oggi la mia ricerca si ferma qui……se avete altri servizi da segnalarmi, io mi ci ficco :)

 

 

 

One Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...