Bidirezionale

L’altro giorno, assieme ad alcuni compagni di merende, sono andato al Centro Culturale Candiani di Mestre per un incontro sulla Democrazia Partecipata. Dopo circa due ore di monologhi noiosi espressi in rigido politichese dalla platea è emerso un certo disagio.

Presto la timidezza è mutata in protesta al punto che la moderatrice mi ha letteralmente scaraventato sul tavolo dei relatori, per un tentativo atto a riportare il tema e il contesto sui binari della partecipazione, dell’interattività, della bidirezionalità con lo spirito dialogoco che un incontro del genere dovrebbe sempre prevedere.

A quel punto, il neo assessore alla Cittadinanza Digitale del Comune di Venezia, Ghetti, ha vivacemente mostrato il disappunto sulla ‘nuova’ dinamicha, asserendo che lui era convenuto per: COMUNICARE, non per INTERAGIRE.

Oggi, grazie al solito e attentissimo R. Scano, intercetto un tweet di Gianluca Sgueo (esperto spe­cia­li­sta in comu­ni­ca­zione presso la Pre­si­denza del Con­si­glio dei Mini­stri e, probabilmente, gestore dell’account twitter di Mario Monti).

Ecco, dentro di me sorge il solito dubbio profondo e amaro. Siamo all’anno zero dell’Opengovernment.
Come il Ghetti di cui sopra, anche Sgueo giustifica l’uso dei social media come megafono unidirezionale e così fa la maggior parte dei politici che dovrebbero aprire la casa di vetro, fare della partecipazione e del sistema dialogico i pilastri per il Governo aperto (Opengovernment).

Urlo a squarcia gola, per l’ennesima volta: ESSERCI E’ DIVERSO DA STARCI! I social media sono uno dei mezzi più idonei per interagire e vanno presidiati con la logica, il ritmo e i linguaggi che li connotano.

A questo punto son costretto a riproporre le slides con le quali ho accompagnato diverse sessioni sul tema, non ultima quella che mi ha permesso di interagire con molti giovani amministratori locali, qualche settimana fa al CUOA.

5 Comments

  1. “Esserci o starci? Questo è il dilemma”: se solo i ‘protagonisti’ si ponessero la domanda sarebbe già una buona cosa. Ma…

    Mi vengono in mente alcuni ‘episodi’ tratti dalla Storia delle innovazioni e quindi mi verrebbe da dire che non sono stati gli inventori delle carrozze trainate da cavalli ad inventare e adottare le auotmobili. Anzi, si racconta che nel tentativo di ‘frenare’ la diffusione del nuovo fosse imposto di far precedere un veicolo a motore da una coppia di sbandieratori (del pericolo a quattro ruote) a cavallo.

    Forse, ci troviamo di fronte a sbandieratori a cavallo (ovvero politici da tubo catodico, one-to-many senza feedback, se non sondaggiati).

    Mi piace

    Rispondi

  2. quoto, si chiamano o no Social network, reti sociali…se non si interagisce, si usano tali strumenti in modo non appropriato…certo non sfugge a nessuno la differenza tra tw e fb, ma anche il primo si basa su una relazione. se è univoca, non può chiamarsi relazione. imho

    Mi piace

    Rispondi

  3. mah.. è una questione di stile. non sarà imperativo morale, ma appunto è una questione di come ti relazioni attraverso il mezzo – e se ti relazioni. Twitter non è che l’ultima frontiera: da anni ci sono blog (per carità, a volte con camionate di commenti) dove l’interazione è zero, la comunicazione è unidirezionale… non sto parlando dell’ovvio grillo, ma anche blog come quello del rettore di ca’ foscari… sono solo l’ennesimo “megafono”.
    E’ legittimo, sì… ma ci dice, appunto, che lo stile adottato non è quello dell’interazione. Ma non mi aspetto altro da gente che è abituata da sempre a non interagire con il pubblico.
    Certo che perfino il vaticano s’è sprecato a rispondere a qualche domanda su twitter (in mezzo al delirio)…

    Mi piace

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...