Urban Hacking

Chi mi conosce dalle parti di Venezia e Mestre, sa che animo due risorse web sul decoro urbano e la sostenibilità viaria, con particolare attenzione al tema delle piste ciclabili.:

Insomma, mi diverto a fare Hurban Hacking casereccio :-)

Oggi ho fatto un piccolo dossier su una via di Mestre, letteralmente violentata dalla cattiva programmazione e dall’assenza di gestione.

Enjoy

Via Ca’ Rossa a Mestre una strada violentata dal tram e dalla mancanza di gestione e di sorveglianza.

Il tratto in esame va dall’incrocio con Via San Donà a Carpenedo, sino all’incrocio con Via Bissuola e credo sia ormai evidente a tutti che il Comune ha abdicato al suo ruolo lasciando la strada al completo abbandono.
Andiamo con ordine. Si parte appunto dall’incrocio con via San Donà scendendo e verso il centro di Mestre  c’è un marciapiede proprio di fronte al parcheggio dell’Ufficio Postale che tutte le mattine viene completamente occupato da un camioncino che consegna le carni. Non c’è nulla da fare, il camion arriva alla mattina presto e rimane li per ore. Giudicate voi come si può passare a piedi o, con una carrozzina o peggio ancora con una sedia a rotelle per disabili.
Guardando bene la foto si potrà notare che i camioncini a volte sono due e a volte costituiscono un vero e proprio sbarramento all’intera viabilità pedonale e ciclabile. Su quel marciapiedi si va anche in bicicletta perché la carreggiata è occupata dal tram.
Tutto ciò non accade solo alla mattina, perché questa zona è ormai off-limits per i pedoni. Anche alla sera, il marciapiede è a disposizione delle sole auto.
e osservando bene questa sequenza, la situazione si perpetua ad ogni ora del giorno e per ogni punto del famigerato marciapiede con pioggia, sole, sia di giorno che di notte.
Proseguendo arriviamo alla famigerato ZONA KILLER DELL’ASILO che molte volte ho denunciato su questo blog:
Dunque, dopo più di un anno, nessuno ha ancora fatto nulla e la situazione è veramente da paura.
Da notare che, molto spesso, non ci sono scuse sulla mancanza di parcheggi perché, a poche centinaia di metri ce ne sono due e, persino di fronte all’asilo (COME DIMOSTRA LA FOTO CHE SEGUE) pur con disponibilità di parcheggi, gli automobilisti preferiscono sostare proprio sullo spazio killer.
Proseguendo, si può notare che tutta Via Ca’ Rossa è ormai ridotta a un parcheggio selvaggio, con grande pericolo per i pedoni ed i ciclisti.
I commercianti, poi ci mettono del loro, come ad esempio questo che tutte le mattine mette il camioncino sul marciapiede, pur essendoci uno spazio libero nel parcheggio.
Notare che ho fermato due volte un’auto dei vigili per segnalare il fatto, ma mi sembravano particolarmente seccati e svogliati, per non dire altro.
Oppure come questa zona di fronte alla Questura dove, nonostante il divieto, il parcheggio selvaggio impedisce ai pedoni di passare se non invadendo la pista ciclabile.
Potrei postare altre 100 foto di questo disastro, ma mi fermo qui per non tediare.
Qualcuno potrebbe obiettare che ci son pochi parcheggi ma, questa è proprio una delle carenze di programmazione da parte del Comune di Venezia che ha voluto far passare un tram in una strada che non poteva offrire, più di tanto, possibilità per piste ciclabili, parcheggi e marciapiedi a misura di handicappati.
Un vero disastro, una strada violentata e sottratta alla città. #EPICFAIL
Ora, come sempre, inizia l’invio di email a tutti gli Assessori e ai gruppi consigliati.
Keep in touch

One Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...