Oltre il rito, una comunita’

IMG_0576

Siano tornati, dopo tre anni, alla Saint Aloysius church di Harlem.

Per molti stranieri la messa gospel e’ una delle tante attrazioni di New York, per noi no, e’ innanzi tutto una messa domenicale.

Devo ammettere che le code che si formano fuori dalle chiese battiste, anglicane, metodiste, ecc., alla domenica mattina in quel di Harlem, non mi piacciono molto, e la faccia della gente in coda, assomiglia troppo a quella già vista a Gardaland o in un qualsiasi altro parco divertimenti.

Successe nel Giugno del 2007 che un gentilissimo signore di colore capi’ il nostro disagio e ci indico’ una chiesa cattolica sulla 132 West.
Ieri ci siamo tornati per seguire una messa che dura quasi due ore e, pur seguendo la ritualità cattolica, si mescola con i canti gospel e tanti momenti “sociali” commoventi, aggreganti e anche intriganti e un po’ pettegoli per la nostra mentalità.

Un ibridazione che va oltre il rito e diventa quasi un happening.

La comunità si salda con preghiere spontanee che sono racconti di vita, improvvisazione e commoventi manifestazioni di solidarieta’ in diretta.

La comunità nera innesta nel noioso rito della messa a cui siamo abituati, canti corali, assoli mozzafiato e tanti inserti di affetto vero come l’accoglienza degli ospiti (fra i quali, noi) e soprattutto il rito dello scambio della pace che dura quasi 20 minuti con tutti che abbracciano tutti, scambiandosi regali e il prete che abbraccia uno a uno i suoi fedeli. E mi ritrovo allora con un bimbo di colore in braccio e a fare la conoscenza del celebrante che racconta di chiamarsi Pellegrini ma che di italiano conosce solo le dirty words.

Mi colpisce molto la lettura del vangelo che non viene effettuata dall’altare ma bensì camminando fra i banchi con il testo aperto fra le mani.

E mi chiedo ancora il perchè di un conservatorismo anacronistico come quello della chiesa romana, spacciato per sano tradizionalismo e integralismo morale. Credo che alla lunga svuoterà le chiese perchè noioso e fuori dalla logica moderna di una società che e’ prima di tutto comunità vera.

Domani scendiamo verso Philadelphia.

 

One Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...