Call for proposal

Nella fase di preparazione e di avvicinamento al Barcamp di Maggio, abbiamo pensato di sfruttare le potenzialità della piattaforma Google Moderator per la raccolta delle proposte.

Lo strumento si è evoluto nelle ultime revisioni e ora è anche fruibile in lingua italiana.

Enjoy

google moderator

12 Comments

  1. Ho detto che ogni anno che io pubblicizzo questo evento tu te la prendi con tutti. Come se chi si sbatte per far cambiare le cose, fosse complice di chi le governa male. E vabbè, dovremo trovarci davanti a un bicchiere di vino buono. Il digitale non aiuta.

    Mi piace

    Rispondi

    1. Lasciamo in sospeso questa conversazione; superiamo l’impressione che io me la prendo con tutti; è un buon auspicio per chi me lo dice, se penso a quelli che me lo dicevano tanto tempo fa e che ora sono completamente scomparsi dalla scena.

      Quando tu pubblicizzi questo tipo di evento io sento l’irresistibile bisogno di ricordare che ci vorrebbe un’interfaccia, tra gli operatori (virtuali/digitali) che si devono sbattere per il cambiamento e i cittadini (reali/analogici) che devono/possono solo aspettare … che cosa??

      Non si può argomentare sulla natura dell’interfaccia di cui parlo – so solo che deve cominciare ad esserci; sono perfettamente consapevole di essere da solo a sentire questo bisogno; prima o poi però dovrà cominciare a succedere; sono i famosi corsi e ricorsi della storia .. e tu di storia te ne intendi più di me.

      Mi piace

      Rispondi

      1. Ok, Luigi ma, gli “operatori”, cioè io e i miei compagni di merende della rete InnovatotiPA, siamo anche CITTADINI! REALI, incazzati perchè le cose non vanno fuori, e DENTRO l’amministrazione.

        Mi piace

      2. Il ricorso della storia, cambiate le mutande, può andar d’accordo benissimo con i cittadini reali che sono anche “operatori” e i cittadini reali che sono solo “utenti”.
        L’importante è che i due tipi di cittadini possano “metacomunicare”.
        Sai meglio di me che sistemi eterogeni interoperano perchè metacomunicano; sai benissimo cosa significa e a te non ho bisogno di spiegarlo.
        Cambiare le mutande (mutati mutandis) al ricorso della storia può voler dire sostituire la potenza grezza di calcolo dei primi supercomputer, e i loro (cittadini) computer scientists, con la potenza relazionale grezza del Web, e i suoi (cittadini) Web Professionals.
        La storia può ripetersi se si materializza una metacomunicazione (operativa) tra loro e i potenziali (cittadini) utenti della macchina/sistema (non più computazionale ma) relazionale.
        Ai fini del tipo di metacomunicazione di cui io ora “balbetto” la storia che ho vissuto mi ha fatto scoprire (a posteriori) di aver avuto un ruolo d’interfaccia.
        Chi mi assegnò quel ruolo e perché?
        Cosa dici Gigi?
        Posso tentare di completare l’analisi?
        O taccio per sempre e smetto di rompere le scatole?

        Mi piace

  2. I'm impressed and overwhelmed.
    Più qui <a href="http://www.webeconoscenza.net/2010/03/31/tanti-amici-tanto-onore/?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter&utm_campaign=Feed%3A+webeconoscenza%2FfPQu+%28Webeconoscenza.net%29#comment-10850">si lavora di cesello sul soccial netvorching .. come lo chiamerebbe Giacobazzi e più diventa tragico il bisogno di lavorare di cesello sul territorio.
    Un <a href="http://w2wai.amplify.com/2010/03/15/per-scegliere-un-modello-di-conoscenza-lo-vogliamo-aperto-o-chiuso/">sociologo letto di recente cita il rischio della ciberbalcanizzazione ..
    Siamo arrivati al punto di dover cercare nei libri di sociologia quel grano di sale, ampiamente disponibile negli ambienti operativi dell'informatica pre-industriale, che oggi manca sia ai portatori di cultura digitale sia ai (molto analogici) pubblici amministratori, con spaventose ricadute sul piano della partecipazione dei semplici cittadini (i.e.: quelli al di sotto di interessi di bottega di vario tipo).
    Che fare?
    Non hanno saputo rispondere gli intervenuti a <a href="http://w2wai.amplify.com/2010/03/30/per-fare-uscire-da-confini-amministrativi-territoriali-aprire-lobiettivo-della-partecipazione/">un incontro sulle dinamiche sociali del Web, in relazione ai temi dell'ambiente.
    Come parlarne agli amministratori locali di una comunità montana, che non attuano la promozione delle nuove forme di comunicazione, in programma da un anno, per (supposta) mancanza di risorse?
    Can anybody pass on these questions To Whom It May Concern, please?
    Yours sincerely,
    Luigi Bertuzzi

    Mi piace

    Rispondi

    1. Come ti dicevo l'anno scorso….non confondere amministratori con operatori del settore. Se conoscessi un amministratore della tua vallata, allora potrei provare a fargli "vivere un esperienza" cyberqualcosa :-)

      Mi piace

      Rispondi

      1. Anche quest'anno … ♫ Questo o Quello ♫ .. ♫ per me pari sono ♫ .. e lo resteranno fino a quando gli uni o gli altri si decideranno a coinvolgere i cittadini nella ricerca di una soluzione alla gestione del Bene Comune.

        Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...