Cattivi pensieri

Se l’esempio viene dall’alto, potrei anche pensare che quel giudice amico di papi e dei suoi ministri, ci ha dimostrato che non esitono più obblighi morali. Per cui l’arbitro può andare a pranzo con l’allenatore anche due ore prima della partita, e l’avvocato e il giudice, in fin dei conti possono giocare a tennis tutte le sere, e il fornitore potrebbe anche essere il genero del presidente della comissione di gara. Qual’è il problema?

E se l’ambulanza carica un paio di parenti e li porta a far le spese che problema c’è. Tanto il viaggio era già pagato dallo stato. E se oltre ai parenti carichiamo sulla macchina di servizio qualche cantante e qualche ballerina, forse il lavoro diventa meno noioso. E non c’è davvero nulla di male.

Cattivi pensieri.

L’etica è qualcosa di etereo, di impalpabile e ormai superato. Ognuno può ergersi a arbitro di se stesso e in alcuni casi di tutti. Perchè il consenso legittima. Legittima i comportamenti oltre la morale.

E in fin dei conti basta confondere i propri confini con quelli del mondo e il gioco è fatto.

Cattivi pensieri.

Oggi vado a cena con un gruppo di amici e domani in Bateo, cercando di scacciare dalla mente queste elucubrazioni noiose e pericolose.

One Comment

  1. Che malpensante! Ora anche i giornalisti saranno ammessi a viaggiare sull'aereo presidenziale, non solo le veline; forse in questo modo anche quel piccolissimo ma minacciosooso manipolo di dissidenti si allineerà… E vissero tutti felici e contenti.

    Mi piace

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...