Analogie

In queste settimane sono impegnato nello studio approfondito del Decameron e, ovviamente, sull’approfondimento dei temi e delle forme associate a questa grandissima opera.

Vi propongo un passaggio dei miei studi……..”i più grandi artefici della parola sono spesso anche abili mistificatori della realtà, come frate Cipolla e ser Cepparello. La parola quindi può ingannare e beffare, far credere falso ciò che è vero, e vero ciò che è falso. Nel Decameron, accanto ai personaggi astuti che incarnano il nuovo tipo umano della società mercantile, vive un mondo di sciocchi e di sprovveduti, vittime designate del potere beffardo dell’intelligenza….”

Se sostituiamo l’ultima parola “intelligenza” con la parola “furbizia“, il quadro mi sembra incredibilmente attuale.


Immagine di: http://www.fabiogarelli.it/

Per Boccaccio l’ “industria” è riconducibile all’intelligenza. Oggi l”industria” è riconducibile alla furbizia e all’opportunismo.

Chi volesse approfondire le due spassosissime novelle è pregato di suggerirmi delle analogie.

p.s. ……….. sul concetto di “pensiero moderno” non è che abbiamo fatto molta strada dal Medioevo ad oggi. N’est ce pas?

3 Comments

  1. Secondo Boccaccio l'”industria” è proprio l’arte di cavarsela ma con intelligenza.Riferita proprio all’ingegno e alla perseveranza di chi, nonostante mille difficoltà e furbizie altrui riesce a COSTRUIRE la sua fortuna imprenditoriale.Leggendo la novella di Andreuccio da Perugia si capisce come Boccaccio indichi una strada di evoluzione e formazione dell’imprenditore che, della furbizia altrui fa tesoro ma, leggendo anche le altre novelle, prevale l’atteggiamento “onesto” dell’imprenditore emergente. L’etica batte la furbizia.Ma non vedo questo ai giorni nostri!

    Mi piace

    Rispondi

  2. Dire l’industria deve -spietata- per sopravvivere sembra quasi un assioma della teoria economica :) E’ un male? Io penso che se l’industria sopravvive, suoi componenti (i dipendenti) stanno bene di riflesso. Quando i centri nervosi (leggi Consiglio d’Amministrazione) inizia a ragionare con le filosofie del tutto-e-subito, inevitabilmente porta alla morte di tutto l’organismo.Spietati magari si, ma stupidi proprio no. Quello diventa intollerabile

    Mi piace

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...