Compagno Giulio

Stasera il compagno Giulio Tremonti è stato intervistato al Tg1 delle 20.00 e ha ribadito forte gli slogan della lotta di classe. Ci è piaciuto molto il passaggio sui finanzieri definiti la “peste” di questo secolo. Il compagno Tremonti ha detto chiaro e tondo che le speculazioni finanziarie sono la prima causa di povertà diffusa. Ha definito i banchieri e i finanzieri dei manigoldi.

Mentre il nostro paladino si sta accattivando le simpatie di tutti i compagni, il nostro ex-segretario è impeganto nelle attività sociali che hanno contradistinto il suo impegno per la classe operaia negli ultimi anni.
Lunga vita al compagno Giulio.

3 Comments

  1. tremonti fresco di laurea se ne andava sulla sua 2cv ai collettivi di lotta continua.@sirdrakequando questa tassa la propose il centrosinistra ci fu un mezzo finimondo. e cmq è del tutto evidente che le società si rivarranno sul consumatore, cioè noi.

    Mi piace

    Rispondi

  2. Caro Alfredo,sotto il vestito niente, questo è ovvio. Il buon Giulio è un artista in fatto di cosmesi :-)Resta il problema serio che tutti gli slogan della sinistra sono ormai terreno di caccia della lega e degli sponsor leghisti (Giulio, infatti, è il maggior sponsor dei celoduristi).

    Mi piace

    Rispondi

  3. Davvero divertente questo attacco di Tremonti ai banchieri e ai petrolieri (con la mitica Robin Hood Tax). Vogliamo scommettere su chi pagherà di più le spese bancarie e la benzina?Certo che se la sinistra è rappresentata da Tremonti – visto che Bertinotti ha dimostrato di non rappresentare quasi nessuno – siamo messi davvero male!

    Mi piace

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...