microsoft

PostPc

ZA104386679

I due più grandi nemici di Apple erano Ibm e Microsoft. Ovvero erano i due più grandi nemici di Steve Jobs.

Ibm era leader anche nel settore dell’hardware, produceva pc.

Microsoft è ancora leader nel software, sicuramente lo è ancora per il software di produttività, molto meno per i sistemi operativi.

Oggi è un giorno un po’ particolare. Forse insulso per essere un grigio 7 di Novembre ma, a volerlo vedere sotto un’altra luce è il primo giorno del postpc.

Microsoft ha rilasciato proprio oggi le versioni gratuite di Office per iPad e iPhone con piena integrazione al cloud di Dropbox. Come dire: ‘cara Apple i leader sul cloud e sulla produttività siamo noi di Redmond‘. E forse è vero.

Dall’altra Ibm dopo aver annunciato a Luglio l’accordo con Apple, precisa proprio oggi che fornirà ad Apple l’assistenza per il mondo enterprise. Come dire: ‘cara Apple, io smetto di fare hardware e software per pc, adotto il tuo, e ti aiuto nell’assistenza agli utenti professional‘.

Dunque facendo la somma delle varie novità avremo una situazione di questo tipo:

Apple leader nelle device mobili e scalata al mondo professional grazie all’accordo con IBM.

Microsoft leader nel software di produttività per dispositivi mobili (e non solo) e nel soprattutto nel cloud grazie anche all’accordo con Dropbox.

E i pc?

#ciao

p.s. se qualcuno pensasse che ho dimenticato Google, non si sta sbagliando. Però, avendo ascoltato l’ultima intervista di Page credo che Google abbia altri interessi, dalla robotica, alla meccanica e oltre.

 

 

Modelli di business

Alcuni giorni fa, dopo anni di attesa, Satya Nadella nuovo CEO di Microsoft ha annunciato in pompa magna la disponibilità della suite Office di Redmond anche per iPad.

Dopo aver installato tutte e tre le app (Word, Excel e Powerpoint) ho ravanato un po’ i miei file depositati su One Drive (ottimo servizio gratuito di cloud storage offerto da Microsoft) e poi ho sentenziato in modo laconico e arrogante su Twitter:

 

 

Intrigandomi parecchio di queste cose, anche in funzione dell’eBook che sto completando, non contento ho pensato bene di andarmi a guardare le prime recensioni degli utenti sull’App Store:

Screenshot 2014-03-29 12.20.56

 

Screenshot 2014-03-29 12.31.44

 

Dunque non son l’unico cretino che non riesce a capire questo modello di business. Ovvero, l’ho capito benissimo. Il rilascio è in funzione degli abbonamenti aziendali di Office 365 (solo le aziende possono permettersi certe cifre), perchè un cristiano che vuol usare Word sull’iPad a titolo personale, col cavolo che sborsa 100 euro all’anno di abbonamento.

p.s. di quei 100 Euro, il 30% va a Apple che gongola e può offrire la sua suite iWork gratuitamente.

Bye Bye

The Blue Screen of Death

Fantastica raccolta a cura di hongkiat.com.

Blue Window of Death
A BSoD drape for your Windows. (via Ezhhh)

bluewindow 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Infoscreen
Infoscreen turns nonsensical. (via VoidStern)

infoscreen 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Traffic Light
The blue screen of traffic light. (via Houbi)

trafficlight1 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Portal 2 Hijacks GDC Awards
The parody of BSoD during the annual Game Developers Conference. (via Kotaku)

GLaDOS 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Gatwick Airport
Which gate is my flight at?(via Cardsfan1985)

airport 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Ad Display
This is what happens when you leave your PC on 24 hours a day without a break. (via Celebdu)

advert 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Times Square
No more advertisements; just an error screen. (via Lhl)

timesquare 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Mousepad
A mousepad befitting your Windows desktop. (via CompuRocketUSA)

mousepad 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

New York City
The BSoD can strike everywhere, even on the roads. (via Miguel Carrasco)

nyc 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Fidelity
Fidelity yes, but reliability?

fidelity 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Worst Timing Ever
I’m quite sure the pilot would’ve already collapse if this happens during flight. (via Motifake)

airplane 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Paris
The high-tech hot air balloon has its own problem on its way to Paris. (via Rlonas)

hotairballoon 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Welcome to Vancouver International Airport
A warning screen as the welcome sign. (via Aznricebowl)

yvr 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

McDonald’s Drive-through
Did you order a BSoD?. (via Techeblog)

mac 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Stunning. Breakthrough. Entertaining.
Read carefully. It says it will deliver you a PC experience designed to fit wherever life happens. Even when your system crash?

stunning 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Touch of Brilliance
Seems like a cellphone with bugs. (via Renaissancechambara)

touch2 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Big Screen
Newsflash on the screen below: BSoD strikes. (via Hollis Hudetz)

bsod big 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Coca-Cola
It’ll be cool if the letters actually scroll down continuously like in the Matrix. (via The Technical Side)

cocacola 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Pepsi
Pepsi has been spiked?. (via Limesik)

pepsi2 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Blue Sky of Death
The effects of global warming on our sky system. (via Brave1brave)

bluesky 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Singapore’s Orchard Road
This actually went on for a couple of hours. (via Stomp)

orchard 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Live Concert
An anticlimax to an otherwise amazing concert. (via TechMynd)

concert 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Building
The busy city life goes on, blue screen or not.

building 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Plane
åRows and rows of BSoD.

plane 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

BSoD’d
Server under attack!. (via Zorchenhimer)

BSOD 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Owned!
These desktops are just too old. (via Know Your Meme)

owned 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Bill Gates’ Fatal Error
The ultimate BSoD of our lives. (via Geeks With Blogs)

billgates 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

The Blue and the Furious
Too fast and furious for the system. (via Jewish-Ninja)

The Blue and the Furious 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

The Matrix
The Matrix has you… So does the BSoD. (via Thunder-of-Strix)

matrixneo 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

Sorry, I Cannot Finish It…
All your work gone in a flash, literally. (via DroziCzech)

sorry 30 Priceless Blue Screen of Death (BSoD) to Chuckle About

In tempo di crisi, c'è Goolge!

Per essere più corretti, ci sarebbe il cloud ma credo sia doveroso segnalare l’entusiasmo del team di Google Enterprise che annuncia la sua partecipazione al Gov 2.0 Expo di Washington.

Stessa situazione anche per Redmond, ovviamente.

Ne abbiamo parlato molto la settimana scorsa al ForumPA e, quasi tutti, abbiamo concordato che in tempo di crisi il cloud è quasi un obbligo anche per la PA. Certo, sarebbe bello un modello italiano, senza dover obbligatoriamente beneficiare gli amici della West Coast.

E, a quando un modello cloud per Drupal?

In attesa delle risposte da Washington, godiamoci Tim O’Reilly che disquisisce sul modello Gov 2.0

Docs

Allora vediamo questo servizio che mi hanno appena attivato: http://docs.com/Main/Home. A prima vista sembra un ibrido fra Scribd e Slideshare, nel senso che l’ambiente sembra l’ennesimo servizio di condivisione documentale. Impressione, ovviamente, sbagliata.

Infatti, una volta caricato il primo documento, è già possibile editarlo on-line, quindi si tratta di un classico Software As A Service che sfrutta l’infrastruttura di Facebook.

docs

E in effetti, è questo il grande pregio. L’utenza è già “arruolata” su Facebook per cui questo servizio non necessità di un “provisioning”. Come lasciava intendere il presidente Obama ,alcuni mesi fa: “…..gli utenti sono già nei social network, dobbiamo spostarci noi con i nostri servizi su quei palinsesti……“. Ecco questo è il bene e il male. Certo è un bene perchè posso usufruire di un account già esistente e di una fidelizzazione con lo strumento (Facebook). E’ un male perchè crea una specie di monopolio a livello end-user (GoogleApps Premier e Microsoft Office Online sono ormai orientati al mondo business).

Nel contempo godiamocelo e impariamo a gestire documenti a più mani grazie alla funzionalità multiautore che abilita gli altri friend su Facebook a collaborare con noi.

docs

Resta da vedere ora, cosa faranno gli altri due grandi competitor (Adobe mi sembra ancora indietro) su questo fronte:

A) Google docs che è già penetrato anche a livello end user

B) MobileMe, se si decide in fretta a fare il grande passo

Microsoft MIX10 – from Las Vegas to Milan

Grazie al tenutario di questo blog, ho ricevuto un invito per l’evento organizzato da Microsoft Italia per seguire in streaming la presentazione dei nuovi prodotti Microsoft ovvero il MIX10, The Future of Web Design and User Experience.

mix

In occasione di questo evento, Microsoft ha presentato i miglioramenti apportati alle sue tecnologie per consentire alle community di sviluppatori e designer di creare user experience accattivanti per un’ampia gamma di dispositivi.

http://live.visitmix.com/

Lo slogan dell’evento e’  stato:

Three screens, one Cloud.

Durante la lettura dell’articolo potrete capire il perche’ di questo slogan.

Keynote day 1

Prima di seguire in streaming il keynote day 2 e’ stato fatto un recap del keynote del primo giorno soffermandoci sui punti principali esposti.

Piattaforma di sviluppo mobile end-to-end per Windows Phone 7 Series.

E’ stata presentata una versione beta dell’ SDK per Windows Phone 7 Series. Sono stati integrati i framework di Silverlight e di XNA inoltre adesso gli sviluppatori potranno interagire con:

  • Accelerometro
  • Un servizio di Microsoft di geolocalizzazione
  • Un servizio di Microsoft di Push Notifications
  • Video con l’accelerazione hardware con funzionalita’ DRM.
  • Internet Information Service Smooth Streaming
  • Multi-touch
  • Videocamera
  • Microfono

Belfiore dichiara:

E’  stato progettato per offrire a sviluppatori e designer incredibili opportunita’  per creare applicazioni e giochi accattivanti in tutta facilita’. I migliori strumenti di sviluppo, un solido ecosistema, un marketplace e un percorso di utilizzo delle competenze degli sviluppatori in Silverlight e XNA Framework sono gli ingredienti di una piattaforma mobile semplice, potente e stimolante.

Strumenti gratuiti per sviluppatori in Windows Phone 7 Series

Microsoft ha annunciato il supporto completo di Silverlight in Windows Phone 7 Series includendo:

  • Microsoft Visual Studio 2010 Express per Windows Phone,
  • Windows Phone 7 Series add-in da utilizzare con Visual Studio 2010 RC 1,
  • XNA Game Studio 4.0,
  • Windows Phone 7 Series Emulator per il test delle applicazioni,
  • Microsoft Expression Blend per Windows Phone Community Technology Preview.

Un marketplace per le applicazioni Windows Phone 7 Series

E’ stato presentato un marketplace dove gli sviluppatori potranno pubblicare le loro applicazioni e di conseguenza monetizzare i loro lavori. La novita’ introdotta e’ che gli utenti potranno provare gratuitamente le applicazioni prima di acquistarle e permettere agli sviluppatori di promuovere le proprie applicazioni per mezzo del deep-linking tra applicazioni.

Innovazione continua con Silverlight 4 ed Expression Blend

E’ possibile scaricare gratuitamente una versione RC (release candidate) di Silverlight 4 basata sulla versione beta rilasciata in occasione della Professional Developers Conference nel novembre 2009. E’ stato annunciato anche il rilascio di Expression Blend 4 Beta. Nella Beta di Expression Blend 4 e’ stato inoltre aggiunto il supporto per Silverlight 4, .NET Framework 4 e Visual Studio 2010.

Adozione di Silverlight da parte dei clienti

L’adozione di Silverlight e’ arrivata al 60% delle installazioni nei dispositivi Internet avendo un incremento del 15% negli ultimi 4 mesi.

Keynote day 2

Andiamo a vedere che cos’e’ successo durante il secondo giorno dell’evento.

Dean Hachamovitch, general manager di Internet Explorer di Microsoft, svela le caratteristiche principali della nuova piattaforma Internet Explorer 9 includendo il supporto per HTML 5, grafica e testo hardware accelerated e un nuovo engine per i JavaScript.  Vengono annuciate una nuova libreria jQuery JavaScript, un nuovo SDK per Open Data Protocol che facilita gli utenti ad accedere ai dati dal Cloud per creare delle Web Applications cross-platform.

Hardware Acceleration = maggiore interoperabilità

Microsoft annuncia il supporto delle specifiche di HTML5 incluso supporto di CSS3, lo Scalable Vector Graphics (SVG), il parsing per XHTML, tag video e audio usando lo standard H.264/MPEG4 e MP3/ACC codecs.

Internet Explorer 9 permette l’accelerazione GPU HTML5, milestone per il visual computing.

Drew Henry, general manager di GeForce e ION GPU a NVIDIA Corp.

Aumento del supporto per lo sviluppo grazie alla libreria jQuery JavaScript

jQuery JavaScript Library aiuta a miglirare il processo di sviluppo delle Web Applications fornendo una comunita’ open-source per gli sviluppatori. Microsoft sta lavorando per migliorare iteroperabilita’ fra ASP.NET e jQuery incorporandolo a .NET

Creazione di User Experience, powered by the Cloud

Microsoft rilascia un SDK per OData, HTTP e Atom-based improntato per la portabilita’  dei dati per le piattaforme e i liguaggi .NET, Java, PHP, Objective-C (iPhone and Mac) e JavaScript. Inoltre Microsoft annuncia la seconda Community Technology Preview (CTP) un marketplace per Windows Azure che offre agli sviluppatori di accedere “third-party” al datasets usato dalle applicazioni web e mobile.

Guido Nardo point of view

I protagonisti dell’evento di Microsoft di Las Vegas sono stati senza dubbio Internet Explorer 9 e Windows Phone 7 Series. Con IE sono state introdotte delle tecnologie come l’accelerazione hardware GPU, supporto per HTML5, per CSS3, nuova jQuery JavaScript library, si vuole evangelizzare il concetto di “Same marckup, Same script, Same css. Just work across”. Inoltre ho sentito citare molte volte “We want your feedback”, questo significa che finalmente Microsoft ha capito l’importanza di ricevere i feedback dalla comunita’ degli utenti e degli sviluppatori.

Per il fronte Development ho visto dei notevoli miglioramenti per Visual Studio 2010 introducendo queste features:

  • Multi monitoring suppor
  • Improved code navigation
  • you can use css to style everything
  • Semantic URLs
  • MVC
  • Client and Server validation
  • AJAX
  • Easier Deployment
  • Sequence Diagram dynamic generated by V.S. 2010
  • One click publish
  • jQuery included
  • Web A.P.I.

Per quanto rigarda Windows Phone 7 Series non ho visto dei concetti innovativi in quanto sono stati sviluppati gli stessi concepts dell’iPhone ovvero e’ stato incluso quasi tutto lo stesso “sets” di strumenti del melafonino. Dal mio modesto punto di vista ritengo che le strategie di Microsoft sono state di fondere le strategie di APPLE e GOOGLE creando un’infrastruttura mobile in grado di essere verticale sia per i produttori hardware di telefonini sia per gli sviluppatori di apps. La chiave e’ Silverlight mobile, ovvero un sandbox dove lanciare e far vivere le apps con i suoi vantaggi e svantaggi. Il vantaggio sara’ “write once, deploy everywhere” ovvero grazie al sandbox di Silverlight si potra’ scrivere il codice e fare il deploy in piu’ piattaforme quali XBOX, WEB, MOBILE apportando piccole modifiche per la risoluzione grafica ma non rivoluzionando l’architettura dell’app.

Allo stato dell’arte non e’ stato definito il marketplace e le regole che lo governeranno, dovremo aspettare ai primi di giugno.

Chi vincera’  la guerra delle app economy?

Onestamente da quello che ho potuto percepire e’ chi sviluppa su piattaforme Microsoft e’ avantaggiato con nuovi tools e framework per integrare le applicazione sviluppate con le technologie del Web 2.0 e Mobile ma sara’ alquanto difficile che uno sviluppatore che utilizza altri framework come J2EE o Ruby on Rails cambi adottando le tencologie di Microsoft.

Bill Buxton, Microsoft Research, conclude il keynote day 2 con un simpatico workshop sull’user experience soffermandosi a spiegare l’importanza delle esperienze dell’utente finale e sull’emozioni legate al web.

Ing. Guido Nardo

Project Manager

Social Network Specialist