Una parte di me

Mi manchi, lo sai?

Mi manchi tanto. Mi manca la tua compagnia, la sicurezza che mi infondi e il tuo modo discreto di essermi sempre utile, fedele e d’aiuto, nei momenti belli e in quelli brutti.

Ti hanno portato via con la forza, con la furbizia, con l’inganno e il distacco è stato traumatico. Sappi solo che ti penso sempre, in ogni momento.

I detrattori potrebbero affermare che il mondo è pieno di grandi problemi e il nostro, in fondo, è solo un problema minore, piccolo piccolo, legato alle cose futili e senza valore intrinseco. Come potremmo dargli torto. Noi sappiamo però, che la nostra relazione aveva basi solide, solidissime. Quindi li ignoriamo perchè non possono capire, non possono capirci.

Mi aiutavi nel lavoro, nelle relazioni e soprattutto nei momenti liberi. Ieri sono tornato in palestra e quando ho realizzato che avrei corso e sudato da solo, ti ho pensato tanto. Mi davi allegria, suoni, colori e immagini, mi aiutavi a rimanere in contatto con gli amici e con i famigliari. Eravamo un tutt’uno.

Quanti viaggi abbiamo fatto assieme e quanti ricordi abbiamo condiviso. Quante volte non avevi la carica giusta e io ti ho risollevato. Quante volte mi son distratto dagli impegni, dagli appuntamenti, dalle attività importanti e tu eri li a darmi la sveglia a incitarmi per correre e andare avanti.

Io ti ho tenuto sempre aggiornato su tutto e non ti ho mai nascosto che un giorno avrei optato per qualcosa di più grande, ma non ora, non così, non in modo così traumatico.

Avrei preferito un distacco consensuale e comunque ti avrei tenuto nella famiglia allargata, per non perderti di vista.

Vili, dannati voi che ci avete separato! Non c’è perdono, non può esserci pietà.

Di te vorrei conservare lo spirito perchè il tuo corpo ormai non mi appartiene più.

Ovunque tu sia, ciao amico mio!. Delle poche immagini che ho di te mi piace ricordare quella che ti ritrae riflesso negli occhiali di mio figlio. Ciao amico fedele.

10649759_604962382957356_8435963770698944756_n

Read more "Una parte di me"

Non è un paese per nerd

Per come la vedo io, i nerd lavorano a Guantanamo (così definisco lo stanzone dove vengono ammassati sistemisti e programmatori in un grosso centro di calcolo). Appartengono alla categoria dei metalmeccanici. Si, avete letto bene :( Le multinazionali li ‘comprano’ con gare al ribasso. Le PMI li sfruttano facendoli lavorare 14/15 ore e spesso non […]

Read more "Non è un paese per nerd"

Ti ricordi il Vietnam?

Ricordo da ragazzino la cartina del Vietnam sullo schermo televisivo. Erano gli anni 60/70 e le immagini arrivavano in bianco e nero. Termini come Hanoi, Saigon, Mekong, Viet Cong ecc. erano molto comuni e sulla bocca di tutti. Ma dov’era il Vietnam, quanto distante da noi, perchè gli americani lo combattevano, che numeri c’erano in gioco? Quanti […]

Read more "Ti ricordi il Vietnam?"

Rassegnatevi al futuro

Senza mezzi giri di parole la nuova frontiera sarà wearable e sarà molto fashion. Il futuro lo decidono i grandi, quelli che investono, quelli che portano le innovazioni alla massa. Nei prossimi anni assisteremo a un aumento vertiginoso di sensoristiche legate a tutti i campi della vita. Finalmente non smarriremo oggetti, potremo tracciare le filiere produttive […]

Read more "Rassegnatevi al futuro"

Digitale no. Futuro si!

Son conscio del fatto che pochi mi leggeranno a ferragosto ma voglio levarmi qualche sassolino dalla scarpa lo stesso. I giorni scorsi persino Repubblica (due paginoni sull’edizione cartacea) si è intrigata di Fondi Strutturali, Obiettivi Tematici, Agenda Digitale e Accordi di Partenariato. Roba tosta, di solito per soli addetti ai lavori. Sarà il fatto che a Repubblica (ma […]

Read more "Digitale no. Futuro si!"

Moriremo musulmani

Negli anni ’70 andava di moda questo motto: ‘moriremo democristiani’. E visto alla luce dei cambiamenti in senso globale, oggi, fa sicuramente sorridere molto. Il mondo, la vita, l’esistenza, le sue dinamiche e le sue problematiche ora sono diventate globali. Verrebbe da dire ‘moriremo musulmani’, specialmente dopo aver letto questi due pezzi che consiglio vivamente […]

Read more "Moriremo musulmani"

La morte di Foursquare

Vabbè, scrivo questo post in un venerdì non molto vivace di Agosto. Dunque mood negativo, avvertiti. Dopo aver vissuto lo split fra Foursquare e Swarm con una certa repulsione e sfiducia, ieri ho provato il nuovo Foursquare ufficialmente ridisegnato in versione 8.0 Andiamo con ordine, anche dopo aver letto il post di Vincos, sempre molto attento […]

Read more "La morte di Foursquare"