Parole come pallottole

Gasparri si sa, è un bullo dei social network, un teppista della parola. #VanessaeGreta sesso consenziente con i guerriglieri? E noi paghiamo! @forza_italia — Maurizio Gasparri (@gasparripdl) 17 Gennaio 2015 Intendiamoci non son da meno, e notoriamente fan più danni, quei teppisti arabi che in ogni parte del mondo usano anche loro i social network […]

Read more "Parole come pallottole"

Tolleranza zero

Non so se si tratti di ‘pensiero unico’ o ‘pensiero dominante’ so perfettamente, però, da cosa viene alimentato. Lavorando nel pubblico impiego mi confronto spesso con colleghi che stanno tirando i remi in barca nonostante le grandi competenze, l’indiscussa professionalità e una passione che ogni giorno viene minata da episodi e notizie come quella dei […]

Read more "Tolleranza zero"

Egovernment facile facile

Son da sempre convinto che un servizio web offerto alla cittadinanza (non solo inteso come set di servizi interattivi on line, ma soprattutto co-progettazione e partecipazione) sia qualcosa di propedeutico e precedente la tecnologia. Dunque questa offerta deve passare e maturare attraverso la consapevolezza dell’amministratore pubblico, le opportunità offerte a chi vuol partecipare e soprattutto […]

Read more "Egovernment facile facile"

Le metafore e le giare

Ne ha parlato De Rita presentando l’annuale rapporto Censis: ‘La società delle sette giare. La profonda crisi della cultura sistemica induce a una ulteriore propensione della nostra società a vivere in orizzontale. Interessi e comportamenti individuali e collettivi si aggregano in mondi non dialoganti. Non comunicando in verticale, restano mondi che vivono in se stessi […]

Read more "Le metafore e le giare"

Cosa c’è sotto l’asfalto?

Renzi sta asfaltando tutto e tutti. Questo è un fatto. Leggendo i risultati delle elezioni a Reggio Calabria si desume che la destra è ai minimi storici anche nelle sue roccaforti. Si desume anche che il M5S è letteralmente evaporato a causa dell’incapacità di affrancarsi dal suo leader. Si desume ancora anche la diaspora a sinistra non […]

Read more "Cosa c’è sotto l’asfalto?"

Digitale no. Futuro si!

Son conscio del fatto che pochi mi leggeranno a ferragosto ma voglio levarmi qualche sassolino dalla scarpa lo stesso. I giorni scorsi persino Repubblica (due paginoni sull’edizione cartacea) si è intrigata di Fondi Strutturali, Obiettivi Tematici, Agenda Digitale e Accordi di Partenariato. Roba tosta, di solito per soli addetti ai lavori. Sarà il fatto che a Repubblica (ma […]

Read more "Digitale no. Futuro si!"

Moriremo musulmani

Negli anni ’70 andava di moda questo motto: ‘moriremo democristiani’. E visto alla luce dei cambiamenti in senso globale, oggi, fa sicuramente sorridere molto. Il mondo, la vita, l’esistenza, le sue dinamiche e le sue problematiche ora sono diventate globali. Verrebbe da dire ‘moriremo musulmani’, specialmente dopo aver letto questi due pezzi che consiglio vivamente […]

Read more "Moriremo musulmani"

Comunicare e innovare

Comunicare e innovare non sono la stessa cosa ma la buona comunicazione crea cultura, consapevolezza, coraggio e spirito di emulazione. Detto questo, leggendo l’analisi di Luca De Biase sui campioni digitali, mi son soffermato sulle frasi di chiusura del pezzo che meritano un  approfondimento: ‘Forse è meglio che a comunicare si dedichi il governo e […]

Read more "Comunicare e innovare"

Differenze

Sarò anche un vecchio trombone iperpolemico ma che differenza c’è fra l’ottimismo di Berlusconi e il ‘basta piangersi addosso’ di Renzi?

Read more "Differenze"

La trasparenza dei bilanci e l’individuazione dei beneficiari si fa con l’Open Data

La trasparenza dei bilanci e l’individuazione dei beneficiari come antidoto alla corruzione Chi ha letto il libro ‘La Casta’ di Stella e Rizzo sa che uno degli antidoti proposti dai due giornalisti d’inchiesta per combattere il malaffare è la piena trasparenza dei bilanci. Stravolgere, occultare, spalmare prebende su più categorie, titoli e capitoli cambiando di […]

Read more "La trasparenza dei bilanci e l’individuazione dei beneficiari si fa con l’Open Data"