Category giornali

Il padrino

Dunque siamo tutti d’accordo: una pena pecuniaria sarebbe più congrua rispetto all’odiato carcere. #GAC Va considerato però che ci sono dei padrini (tipo due editori come De Benedetti e Berlusconi) pronti a rifondere le spese penali ai loro pasdaran che, dunque, possono continuare a distruggere la vita di chiunque sia inviso ai loro padrini-mandanti.  

Il giornalista fantasma

Quell’astronauta del mio amico Carlo dice che ‘ è tempo di lasciare il piccolo pianeta del giornalismo in cui siamo vissuti‘. Beh, io di giornalismo ci capisco poco ma mi sembra comunque un buon punto di partenza, anche perchè qualsiasi categoria professionale che continua a sedersi sulla sua rendita di posizione non ha mai attratto […]

Però indietro non si torna

Diverse sensazioni in queste ore. Oltre le tragedie, il diritto, il dovere, la necessità di trasparenza e verità sempre. E’ vero, come dice Sergio, facciamocene una ragione, ma ci siamo e ci stiamo muovendo per cambiare ciò che è stato sempre considerato un modello. Il mainstream (giornali, radio e tv) ha un’età quasi secolare, più […]

Punto e a capo

Non voglio entrare minimamente nella polemica della settimana. Son già stati scritti fiumi di inchiostro e spese tonnellate di bit. A Michele Serra vorrei ricordare qualcosa più ascrivibile all’educazione e allo stile. Anche a me, come credo a molti altri, è capitato durante un pranzo o una cena in famiglia che uno dei miei figli se ne […]

Stampa indignata

In Spagna ormai si indignano tutti, e non è una moda, piuttosto è un sussulto generale e largamente condiviso. Gli spagnoli vogliono tenere la schiena ben dritta e sono stanchi delle menzogne del potere. Dunque anche i giornalisti si sono ritrovati in rete e, grazie al tam tam su twitter (#sinpreguntasnocobertura), stanno sabotando tutte le […]

Liberi tutti

L’ottimo Pierluca (autorevole fonte, nonchè acuto osservatore del settore), si chiede come sia possibile un “silenzio stampa” bipartisan, difronte ai dati allucinanti dell’ultimo rapporto sulla libertà di stampa. Del giornalismo ????? asservito, sono abbastanza nauseato. Della querelle stucchevole, e mal interpretata, dai vari Mentana, Travaglio, Belpietro e De Gregorio giovedì sera da Santoro, sono disgustato. […]

Cultura digitale

Via Giorgio Jannis

Ma il lettore cosa guadagna?

Apple è pronta ad annunciare le tariffe di sottoscrizione per la lettura dei quotidiani on-line. Quest’ultimi sono obbligati a sviluppare in fretta apps dedicate per le proprie testate, anche per non perdere i lettori. Le entrate pubblicitarie, secondo accordi tutti da inventare, potrebbe essere distrubuite, divise o condivise. Ma il lettore, che ci guadagna?

Titolista

Fare i…….. titoli, è un arte! (via)

Repubblica social

Repubblica attacca bottoni dappertutto, compreso quello di Twitter. Qualcuno gli ha mai spiegato che Twitter funziona con 140 caratteri e che esistono un sacco di servizi utili ad accorciare gli indirizzi? Cito Tinyurl, Notlong e tanti altri? Come l’indirizzo corto di questo post? http://wp.me/pR56n-1VM Suvvia, assumete un blogger :-)

50 secondi

Quelli di Repubblica dovrebbero spiegarmi perchè non hanno tagliato 50 secondi di bip bip a vuoto. Provare per credere.

Introducing the New RollingStone.com

Il sito del mitico RollingStone (43 anni di carriera), da domani sarà tutto nuovo. Fra le tante novità, la possibilità di ascoltare sul web la musica relativa alle recensioni pubblicate on-line. Per i sottoscrittori a pagamento, pieno accesso all’archivio completo. Mezzo secolo di musica rock a portata di mouse!

Autorevolezza

Oggi lurkavo, su Friendfeed, un paio di discussioni sulla home page odierna del Corriere della Sera on-line, che vedete qui sotto. Fra i commentatori ci sono, come è ovvio che sia in questi social network, anche esperti del settore, uomini di comunicazione, di marketing, ecc. Quasi tutti gridano allo scandalo! La cosa mi sorprende un po’, […]

Tarocchi

Via Giorgio, apprendo di questi taroccamenti. In rete, le bugie hanno le gambe corte :-)

Eretici digitali un libro importante, una discussione aperta

Di Salvatore Valerio Salve amici, in questi giorni ho avuto l’occasione e il tempo di leggere Eretici digitali di Russo e Zambardino.   Con gli “eretici” c’ho sempre avuto a che fare, fin dai tempi della versione 1.0 di webeconoscenza con il mitico Clifford Stoll  . Gli eretici, i bastiancontrari, i maverick, cioè quelle persone che […]

Abituati bene?

Se ne parla, se n’è parlato, se ne parlerà ancora. Sembra che il primo a passare dalle parole ai fatti sarà il Times. Ora c’è anche da capire questo (o surrogati dello stesso), come possibile effetto! Diciamo che la rete potrebbe trovare gli antidoti per sostenere quel paradigma che ci ha abituati bene.

Bella notizia a Nord Est

“el Gazetin” non è mai mancato a casa nostra. Per mio padre era un rito e oggi mia madre continua la tradizione. Io lo leggo un po’ più spesso grazie all’edizione on-line che ho salutato positivamente sin dalla sua nascita. Oggi apprendo, con grande gioia, che la gestione dell’on-line, farà capo a una carissima persona: […]

Quantità e qualità dell’informazione

Leggevo il post di Gino e riflettevo su alcuni paradigmi. Non tanto quelli tecnologici (sinceramente le tendenze mi intrigano, ma se sia meglio scrivere su feisbuc, FF o sul proprio blog non lo considero importante). Mi interessa di più la “funzione” di noi digital writer di questo nuovo millennio. Non voglio tornare sulla questione blogger […]

A NordEst qualcosa si muove

Il Gazzettino (anzi, “el gazetin”) è qualcosa che fa parte della venezianità. Da quando son nato ho sempre sentito dire: “ti gà comprà el gazetin” e mai “ti gà comprà el giornal”! Il Gazzettino è stato fondato nel marzo del 1887 da Giampietro Talamini (Vodo di Cadore 1845 – 1934) ed è tra i più […]

Lacrime di coccodrillo

di Claudio Marino Dal punto di vista della maturità intellettuale, ero appena un ragazzino quando un gruppetto di persone decise di parlare di politica, di cultura, di società e di economia in un modo nuovo: adorato da qualcuno che lo accolse come un primo risveglio delle coscienze, una breccia nel mondo del pensiero unico ante […]

Come dire……

..che su Youtube c’è solo bullismo e che su MySpace solo i tamarri e che su Twitter solo i funerali. Ma insomma il mainstream non sa andare oltre il gossip? Il mezzo non può essere confuso con il fine, quando lo capirete? E poi un buon giornalista potrebbe far emergere il valore del mezzo e […]

Giornalismo partecipativo

  Al via oggi, anche in Italia, Agora Vox. Sulla mission e sulle modalità di adesione, val la pena leggere questo disclaimer.   via http://webeconoscenza.blogspot.com/

A che serve vivere, se non c’è il coraggio di lottare?

Oggi son 4 anni dalla spietata esecuzione di Enzo Baldoni. E c’è un silenzio assordante! Quanti giornali e televisioni ne parlano? Per non dimenticare: “Enzo è ancora qui!”

Lavarsi la coscienza

Cambiare idea è sinonimo di intelligenza. Dice qualcuno! Cambiarla troppo spesso è sinonimo di opportunismo. Dico io! Sul caso Famiglia Cristiana mi torna in mente quel luogo comune “I vescovi stanno con la destra i parroci con la sinistra”, che tende a semplificare un quadro che, secondo me, è molto più complesso. Gran parte delle […]

Autunno caldo

I più giovani non sanno sicuramente di cosa sto parlando. Anche girando sulla rete, la ricerca del termine “autunno caldo” conduce a pochi risultati. Wikipedia ci informa che passava l’anno 1969! Un dizionario ci dice che si trattava della coda lunga del 68! Poca cosa. Però i giornali ne parlano, ravanando in quello che resta […]

anoressia culturale

Stamane, durante la colazione, mi son letto l’articolo di Ilvo Diamanti su Repubblica.it di oggi: "Maledetti professori" che vale davvero la pena di conservare! Difficile non trovare in questa riflessione lo specchio attuale del nostro paese. Svuotato ormai di cervelli e di telenti, e completamente in balia a una decadenza che è difficile attribuire solo […]

Fannullone senza pudore

In questi giorni di ferie all’estero, per mia fortuna, non vedo la televisione. E per somma di fortune quando provo a cazzeggiare con un po’ di zapping non trovo quasi mai i canali italiani. Tranne la scorsa settimana quando in un hotel di Barcellona mi son beccato RAI1 alle 23.30 e un Vittorio Feltri da […]

New York Times people

Balzo in avanti del NYT verso la socialità e l’aggregazione degli utenti. Con il nuovo servizio TimesPeople  il più importante giornale on-line del mondo diventa un social network e un aggregatore. Pagina personalizzata, ricerca e condivisione contatti, Feed da Facebook e un sistema interno di social bookmarking. Insomma registratevi e venitemi a trovare. Anzi aggiungetemi […]