Smartcity

Hai voglia a dire che il paese ce la farà, che non è tutto perduto.

Poi ti ritrovi a far due passi in centro (Mestre, Nord Est) e cerchi di non guardare quella cosa orribile che ti ha sempre disgustato e che fa bella vista in una delle strade più centrali e che si sono rifatte il look per Natale con le luminarie e tutti gli addobbi.

Però giri la testa, guardi sconsolato, leggi ancora una volta la data sul cartello (Tacita istanza di demolizione – 5 Ottobre 1989) e sconsolato pensi: ‘siamo proprio un paese fottuto!‘.

2013-12-18 16.03.17

 

Nel caso desideraste vederla on-line, per farvi del male come me, basta digitare Via Mestrina, 49-65, Mestre VE, su Google Street View!

About these ads

9 commenti

  1. Mentre leggevo i vostri commenti mi è venuta in mente la canzone di Gaber/Luperini “Dialogo tra un impegnato e un non so” (http://it.wikipedia.org/wiki/Dialogo_tra_un_impegnato_e_un_non_so) forse perché pensavo a un “Dialogo tra un ottimista e un realista”. Ecco, il mio dilemma è proprio questo: l’essere l’uno e allo stesso tempo voler essere anche l’altro. Sono realista, a causa dei miei cinquantacinqueanni, e voglio essere ottimista, a causa del futuro dei nostri figli e della società intera.
    Vivo questo dilemma.

    1. La strada è la tua, solo tu la conosci :) Io un po’ di speranze le ho perse nel corso degli anni. Non mi definisco sfortunato, anzi, ho avuto moltissimo dalla vita, ma non vedo un futuro facile per le prossime generazioni. E tutto questo è causa della mia e di quelle precedenti alla mia. Questo cartello è li dal secolo scorso, in una città progressista del Nord Est. non dico altro …… Forse nell’89 si immaginavano un futuro migliore. E invece tutto è rimasto li!

  2. Le cose cambieranno…

    1. certo, stiamo per uscire dalla crisi (cit.)

      1. non parlo di crisi, ma come ci insegna la storia, dopo il declino c’è sempre una ripresa. e ti parla un giovane laureato che ha affrontato un percorso di studi e una specializzazione di 4 anni senza essere pagato e ora aspetto ancora un contratto.
        ciao

      2. lo spero per te, ho tre figli, di cui due già laureati. Ma non credo che l’Italia riuscirà a prendere l’ascensore della ripresa

      3. Il problema è culturale ed etico, se mancano questi due capisaldi, i soldi contano poco.
        Ciao e grazie della chiacchierata

      4. Ecco, e hai già detto tutto. Quando trovi etica e cultura in Italia, fammi un fischio. Grazie a te :)

      5. Lo so.menomale la gente che c’è l’ha c’è ancora. Io nel mio piccolo, ci sto provando con il blog. Mi accorgo che è dura, però ci provo. Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...