Content is king

content-marketing

Ieri analizzavo in aula, con i miei studenti, alcuni processi relativi alla Content Curation e al Content Marketing.

In particolare la metodologia del ‘pinnare’ (utilizzo del bookmarklet durante la web serendipity) ha suscitato alcuni dubbi.

Veniamo al dunque. Come ben descritte da Robin Good, le attività del curatore che tendono a valorizzare il contenuto, devono essere mirate all’ottimizzazione e all’accrescimento del valore:

  • Ottimizza 

    Ottimizza i titoli per renderli pertinenti per il suo pubblico. I titoli, ancora, sono spesso scritti male, o usando un classico approccio giornalistico, oppure usando complicati approcci psicologici per farli apparire più interessanti. Il lavoro del curatore dovrebbe rendere il titolo rilevante per la sua audience-tribù, ponendolo in evidenza e spiegando cos’è davvero il contenuto.

  • Modifica 

    Modifica / riscrive i titoli, le descrizioni e più, per personalizzare ancora meglio la rilevanza del messaggio, il linguaggio ed il focus per una specifica audience-tribù.

  • Formatta 

    Formatta i contenuti curati con precisione microscopica utilizzando gli stili dei caratteri, le spaziature, l’uso di liste puntate / numerate, per fornire maggior leggibilità e comunicare in maniera più efficace i concetti chiave presenti nel contenuto originale.

  • Seleziona 

    Seleziona ed aggiunge immagini rilevanti, foto, illustrazioni che complementano e rafforzano il contenuto con cui sono associate.

  • Estrapola 

    Estrapola del testo e dei passaggi dal contenuto effettivo, per aiutare il lettore a capire il più rapidamente possibile di cosa parla il contenuto e perché sarebbe rilevante leggerlo.

  • Scrive 

    Scrive la sua introduzione, per contestualizzare e spiegare la rilevanza del contenuto per la sua specifica audience-tribù. Apporta una “voce personale” che unisce insieme notizie o contenuti, che vengono dalle fonti più disparate. Guida il lettore attraverso di esse come farebbe la guida di un museo.

ecc.

Dunque, un articolo originale come quello di Robin, in fase di ‘pinning e curation’, potrebbe trasformarsi con una nuova enfasi ai temi che il mio pubblico predilige e si aspetta da me.

content value

Come vedete ho cambiato il titolo, l’abstract, l’immagine e il preambolo allo scoop e al tweet.

Ma il contenuto rimane il re!
Content is the KING, il curatore deve solo dare valore aggiunto.

About these ads

3 thoughts on “Content is king

  1. Mi intrometto all’ottimo post per un chiarimento. Conosco bene Robin good e per il tema della “Curation” battaglia di questo momento. Vorrei capire questo: Noi, selezionando con cura i post creati da altri e quindi da proporre alla nostra nicchia…ma veramente possiamo modificarli e ripubblicarli??
    Grazie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...