734643_337017509739916_347899575_n

credists foto: http://www.facebook.com/Italiastartup

Ieri sera ho moderato un bel dibattito sul tema del digitale. Con Alessandro abbiamo conversato sul tema dei pagamenti e sulle infinite resistenze allo switch-off che dovrebbe favorire, in tempi brevissimi, l’adozione incondizionata e obbligata alle forme di pagamento elettroniche.

Lui raccontava delle infinite mediazioni e resistenze a livello centrale durante i lavori di stesura del decreto Crescitalia, mentre io mi divertivo a raccontargli quest’avventura Californiana con la quale ho già tediato i miei lettori.

Stamane, ancora bello carico e motivato dalle sane motivazioni che ieri sera hanno unito relatori e pubblico, mi reco all’ACI per pagare il bollo auto. Perchè allo sportello direte voi? Semplicemente perchè è sulla strada che porta al lavoro e poi perchè tutte le informazioni sulle modalità e sulle COMMISSIONI DI RISCOSSIONE le conoscevo già.

Una di queste val proprio la pena riportarla integralmente perchè è la dimostrazione che questo paese è contro la semplificazione e contro la digitalizzazione. Leggete cosa succede se si opta di pagare on line: http://www.associazionedifesaconsumatori.it/news/economia/bollo-auto-ancora-piu-caro-se-si-paga-online-o-con-il-bancomat-adico-sistemi-non-al-passo-con-i-tempi-e-scarsa-trasparenza/

Direi che 1,87% è pura follia (leggete bene, si tratta di PERCENTUALE SUL TOTALE, NON 1,87 EURO) .

Dunque mi accingo a pagare allo sportello con carta di credito e, prima sorpresa, accettano solo il bancomat!

Mi rassegno e, dopo aver eseguito il pagamento con il bancomat, l’impiegata dello sportello estrae dal cassetto un blocco di ricevute cartacee e mi chiede altri 1,50 Euro in contanti per il servizio di incasso.

Schermata 02-2456331 alle 12.49.25

Ora lungi da me anche minimamente entrare nelle logiche perverse dell’intermediazione ma, che ci azzecca questo pizzo?

Ieri sera Michele Vianello diceva, giustamente, che per digitalizzare questo paese ‘ bisogna lasciar per strada morti e feriti‘ e son convinto che i primi debbano essere tutti quelli che vivono di rendite da intermediazione.