Style (Content) Curation

Torno sull’argomento dopo alcune riflessioni sui flussi e sull’organizzazione di base che ho circostanziato la scorsa settimana e provo a spingermi verso automatismi che possano consentire una corretta pubblicizzazione dei contenuti selezionati (Style curation).

L’ideale per le mie suggestioni, consisterebbe nel definire un output visuale già pronto per essere veicolato su aggregatori web piuttosto che su dispositivi mobili.

Esistono una serie di servizi che provano a generare una specie di magazine on line e fra questi i più famosi sono indubbiamente: Paper.li che, similarmente a Scoop.it che ho esaminato nella precedente trattazione, permette di selezionare fonti da news provider o social network.

La differenza fra i due sistemi è minima anche se l’output di Paper.li non è generato come flusso in real time, ma va schedulato in modalità giornaliera, settimanale o due edizioni giornaliere (mattina/sera).

Un altro ottimo servizio molto orientato a considerare Twitter uno strumento ormai ‘mainstream’ è The Tweeted Times che, purtroppo non permettendo la gestione accurata delle fonti provenienti di più social media, si limita a pubblicare in forma visuale i tweet dei propri contatti, piuttosto che delle liste o delle ricerche.

Il risultato è sobrio, forse anche troppo spartano per un sistema di Visual Content Curation.

ma ha dalla sua un app gratuita per iPad che ne esalta la fruibilità secondo i canoni della tablet user experience.

Nulla di esaltante, sia chiaro, perchè siamo molto distanti da eccellenze come Flipboard che ho già trattato quando mi sono avventurato nei meandri dei feed e degli aggregatori personali, ma comunque un buon compromesso.

Rimanendo su Twitter come fonte e soprattutto come output, il miglior servizio di Visual Curation è indubbiamente Twylah che, grazie al dominio personalizzabile si è garantito un posto nella mia splash page personale.

Vi consiglio di esplorarlo per bene e di apprezzarne anche l’integrazione con WordPress. Davvero un gran bel servizio, molto raffinato ed elegante.

Nelle mie ricerche serendipiche ho avuto modo di apprezzare molto anche Rebelmouse che aggiunge molte altre fonti sociali come Facebook, Instagram, Pinterest, ecc.

Con Rebelmouse il modello visual raggiunge ottimi livelli grazie anche alla disponibilità di una plugin per WordPress che ne consente l’integrazione con questo diffusissimo CMS, grazie poi alla personalizzazione del foglio di stile, alla possibilità di fare delle slideshow e infine alla funzionalità di ‘clipping’ via bookmark, che permette di effettuare attività di curation extra, oltre le fonti già federate.
Alcuni accorgimenti per iPad possono essere d’aiuto e il resto viene curato, appunto, con la cura analitica e paziente dei contenuti che si può effettuare anche manualmente.

Per il mercato enterprise ci sono buoni prodotti come http://blog.delvenews.com/ o http://www.curata.com/ e molti altri, che offrono output visuali molto raffinati.

Qualcuno potrebbe dire che mi sto perdendo in ciance e non considero Pinterest com un servizio killer del settore? Può darsi, in effetti non mi convince ancora molto, anche perchè abituato da decenni a Delicious, non vi trovo innovazioni strabilianti.

Sia chiaro, mi ci son dilettato, ma non lo considero un sistema di output per la mia curation, perchè non offre automatismi che mi possano facilitare questa attività.

Bello è bello, ma devono aprire le API, e al più presto.

Per chiudere il cerchio, se vi dovessi consigliare due servizi che automatizzano un po’ la ricerca di fonti multimediali e offrono un output ‘amazing’, allora punterei decisamente su: https://gigicogo.jux.com/ e ancora meglio su http://erly.com/user/gigicogo/lighthouses

Fate un po’ voi e ditemi se non sono amazing :)

6 thoughts on “Style (Content) Curation

  1. I blog likewise and I’m creating a little something similar to this specific blog, “Style (Content) Curation
    Web e conoscenza”. Will you mind in case I personallyimplement a bit of of your personal ideas?

    Thanks for your time ,Jimmy

    Mi piace

  2. in pratica gli stessi che uso io, quindi apprezzo e condivido..:-), sperando comunque in una evoluzione, che vedo vicina. Aggiungo che Paper.li nelle versione Pro (che adesso si può provare gratis fino al 4 di dicembre) ha la possibilità di inviare agli iscritti una newsletter davvero niente male, per chi vuol fare l’investimento e una nota su un piccolo refuso: il penultimo link è uguale all’ultimo (ero curioso di andarmi a vedere anche quello :-) )

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...