Negli ultimi giorni c’è stato un giusto riconoscimento e una sufficiente enfasi sull’iniziativa della Open Knowledge Foundation.

Openspending

Segnalo il post dell’amico Pierluca perchè rappresenta una speranza. Pierluca, come molti altri sensibili seguaci del movimento Open Data, spera che queste iniziative portino, oltre alla trasparenza, anche dei vantaggi.

Ecco, allora direi, senza mezzi termini, che ancora non ci siamo. Non basta (come dico all’infinito, ormai) trasmettere entusiasmo, trasferire visioni, persuadere e trasmettere ottimismo rappresentando buone pratiche, ci vuole la palese dimostrazione che un vantaggio è a portata di mano.

Infatti, in Italia, gli Open Data non hanno ancora prodotto applicazioni che portano o dimostrino reali vantaggi.
Si obbietterà che culturalmente siamo arretrati e dunque ci vuol pazienza. Ma non sono d’accordo.
La presentazione (o visualizzazione) voluta dagli amici inglesi e accelerata con grande enfasi da alcune associazioni che divulgano la cultura dell’Open Data, ha prodotto certamente un aumento di interesse ma, risulta ancora sterile dal punto di vista delle opportunità che, ancora una volta, non vengono palesate.

Esporre i dati è semplice. Aggregarli come lo fa il CKAN o come fanno ormai diversi motori (questo è l’ultimo che ho trovato), e poi visualizzarli non è difficile, basta usare le API giuste no?
Ma a cosa porta tutta questa trasparenza e circolazione di dati? Alla diffusione di una nuova dottrina? Troppo poco!

Credo che, dopo aver presentato il primo Toolkit per amministratori pubblici, dobbiamo ora concentrarci sulle applicazioni e, quest’ultime, dovranno essere sviluppate esclusivamente su dati pubblici, provenienti dal dominio della Pubblica Amministrazione per dimostrare, soprattutto, che con esse sarà conveniente, vantaggioso e realmente utile cambiare e semplificare i processi ma, soprattutto risparmiare soldi pubblici che, sono nostri e dalle nostre tasche son stati prelevati.

Dunque serve un contest e, se alcuni accordi con altre associazioni andranno per il verso pubblico, a Settembre saremo on line con le prime applicazioni smart e, soprattutto, UTILI!