Venezia può essere davvero la prima città digitale d’Italia. Ci crede il vicesindaco Michele Vianello che il giorno 11, in un convegno a Palazzo Labia, presenterà il wi-fi cittadino:

Dotare una città di rete a banda larga, lottare contro l’analfabetismo informatico per consentire a tutti di poter usufruire delle potenzialità presenti in internet, garantire l’accesso gratuito alla rete sono compiti nuovi, pienamente legittimi e auspicabili di una amministrazione locale.

Il 3 luglio la rete arriverà a Venezia.

L’affermazione della “cittadinanza digitale” è la nuova frontiera di un nuovo “welfare state” che estende la propria positiva influenza anche al là degli ambiti praticati tradizionalmente. Quando poi si parla di garantire l’accesso alla rete dobbiamo essere consapevoli di un intervento delle Istituzioni pubbliche che travalica i tradizionali “confini nazionali”. Non è più welfare che esercita i propri effetti nell’ambito dello stato nazionale.”

Per l’occasione, proprio il 3 Luglio, si sta organizzando un “bateo” (vaporetto) camp: http://barcamp.org/bateocamp

L’idea è quella di offrire un intero “bateo” ai blogger che, usando il wi-fi aperto sul Canal Grande, potranno creare contenuti (foto, video, post live, ecc.) in piena libertà e dalla Ferrovia fino al Lido potranno dialogare con i responsabili dell’istituzione (il Vicesindaco in primis) e proporre le loro idee e le loro visioni di cittadinanza digitale attiva.

Il bateo camp terminerà con uno spritz party al Lido ed, eventualmente, con bagno finale presso uno stabilimento balneare del Lido di Venezia. (n.b.: anche la spiaggia è coperta da wi-fi comunale).

Questa manifestazione è una delle tante che il Comune vorebbe portare avanti quest’estate coinvolgendo il popolo della rete. Per ulteriori approfondimenti ripropongo alcuni post sull’argomento: